×

Linguine al tartufo di Carpegna e Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

Commenti disabilitati su Linguine al tartufo di Carpegna e Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

Linguine al tartufo di Carpegna e Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

Aqualagna, cittadina di 4.400 abitanti situata nei pressi della magnifica Gola del Furlo, è caratterizzata da una tradizione plurisecolare di ricerca, produzione e commercializzazione del tartufo. Chi visita Acqualagna per gustare la dolcezza e il sapore del tartufo, ha la fortuna di sentirsi circondato da uno scenario stupendo costituito dalla Riserva del Furlo, dal territorio della Comunità Montana del Catria e Nerone.La bellezza dell’ambiente circostante e l’aroma del tartufo, fanno di Acqualagna un luogo davvero speciale.

Linguine tartufo

Ingredienti per linguine al tartufo di Carpegna

Per 6 persone
600 gr di linguine
sale
olio di oliva
2 filetti di acciughe tritate
2 picchi di aglio tritati finemente
1 grosso tartufo nero di Norcia

Preparazione del piatto

In una pentola con acqua salata in ebollizione fate cuocere al dente le linguine.

A parte, scaldate in una padella l’olio d’oliva e fatevi sciogliere a fuoco molto dolce i filetti di acciughe tritati, aggiungete l’aglio e continuate la cottura senza lasciarlo scurire. Infine unite il tartufo nero tagliato a fettine sottilissime.

Togliete dal fuoco. Scolate la pasta e versatela in una zuppiera tenuta in caldo, condite subito con la salsa al tartufo e portate in tavola il piatto cucinato ben caldo.

Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

si svolge l’ultimo weekend di Ottobre e i primi di Novembre ed è dedicata proprio al Tuber Magnatum Pico.

tuber magnatum picoE’ il più famoso dei tartufi e il più costoso in commercio. E’ di forma più o meno rotondeggiante e regolare con cavità e sporgenze. La parte esterna è liscia o quasi, di colore giallo-biancastro. Il colore interno varia in base al grado di maturazione a cui è arrivato e alla pianta con la quale è vissuto in simbiosi e può variare dal bianco al marrone al rosato. Di odore forte e molto aromatico è molto digeribile e solitamente viene consumato crudo, affettato finemente su varie vivande. Si conserva poco, infatti è molto breve il periodo tra la maturazione e la marcescenza.

Ad Acqualagna il 27 ottobre e 1-2-3-9-10 novembre 2013

error: Content is protected !!