×

Palio del Daino 2014 a Mondaino

Commenti disabilitati su Palio del Daino 2014 a Mondaino

Palio del Daino 2014 a Mondaino

Li festeggiamenti sono detti per rammemorare lo giorno ne lo quale in un poggetto del tereno de mondaino el conte federico da montefeltro se abocò con sigismondo malatesta signore de arimino et se faranno feste assai come allhora.
Per quattro giorni continovi le contrade de lo borgo, castello, contado et montebello, se disfideranno ne li giochi et governeranno le taverne per lo conforto de li voti stomaci et de le gole arse.
Ne le vie se troveranno pancarelle et botteghe con le cose de tutte le arti e li mestieri et musici, cantori, giocolieri, trampolinieri et altri spectaculi daranno alquanta gioia che est cibo giusto et salutare de l’anima et de lo corpo et parte bona de la vita.

Dal 21 al 24 agosto 2014 Palio del Daino a Mondaino

Rappresenta una delle più affascinanti manifestazioni nazionali nel suo genere riconosciuta a pieno titolo dal Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche grazie alla straordinaria meticolosità con cui vengono curati i singoli dettagli. L’accurata precisione che ripropone fedelmente la vita del passato, studiata fin nei più piccoli particolari, coinvolge a tal punto i visitatori da trasportarli indietro nel tempo fino ai secoli della signoria malatestiana facendo rivivere loro l’atmosfera e le emozioni di quel burrascoso e intenso periodo storico a cavallo tra Basso Medioevo e Rinascimento.

Il minuscolo e incantevole borgo di Mondaino diventa per 4 interminabili giorni la sede di una piccola grande magia che conduce i visitatori a ritroso nel tempo esplorando un mondo lontano e affascinante su cui si fondano le nostre radici. Il paese merita di essere visitato anche per la ricchezza del suo patrimonio storico e artistico che comprende la Rocca Malatestiana, Piazza Maggiore, il Convento delle Clarisse, la Chiesa parrocchiale di S. Michele, i Musei, Porta Marina e l’ex Convento Francescano di Monte Formosino.

Attraversando il borgo si resta affascinati dall’incredibile somiglianza del contesto attuale con quello che doveva essere a quei tempi e si coglie con straordinaria efficacia la bellezza e il fascino di tornare indietro nel passato. Per le strade pervase da dolci e soavi melodie rinascimentali si assiste all’operare di artigiani intenti alla lavorazione di metalli, tessuti, vetro, pelli e carta. Ma le arti e i mestieri della Romagna che fu sono anche testimoniati dalla presenza di abili maiolicari, pittori, armaioli, liutai, amanuensi, miniatori e intarsiatori.

Palio Daino 2014

Fossa, tartufo e cerere delle colline riminesi

Mondaino e il suo territorio offrono ai visitatori una serie di ghiotte sorprese che possono essere degustate e acquistate, durante la manifestazione, direttamente dai produttori locali:

Il tartufo bianco pregiato – Tuber Magnatum Pico – delle colline riminesi

Sono due le qualità di tartufo che costituiscono il vanto delle colline riminesi e del territorio mondainese in particolare: il bianco pregiato e il nero. Gli amanti di questo prezioso tubero potranno apprezzarlo, servito in menù tematici, nelle osterie appositamente adibite per la manifestazione, nei ristoranti e negli agriturismi di Mondaino e dintorni.

Il formaggio di fossa delle colline riminesi

Anche questo tesoro si estrae dal sottosuolo, il “fossa” si ottiene infatti dalla fermentazione naturale del pecorino estivo all’interno di apposite fosse di stagionatura. Le fosse sono ambienti sotteranei scavati nell’arenaria che da “sempre” nel castello di Mondaino vengono adibite alla conservazione e alla stagionatura dei prodotti agricoli.
I doni di Cerere e Bacco
Cerere è la dea della crescita dei frutti naturali e veniva celebrata in coppia con Bacco, dio della fecondazione e delle vigne. Le feste della semina a loro dedicate, erano occasione di banchetti e libagioni di vino. Nelle fiere d’autunno Mondaino riscopre la sua anima godereccia e rurale, portando in piazza, anche altri pregiati frutti di stagione: lo splendido olio extra vergine d’oliva, i saporiti formaggi pecorini, i dolci mieli, i vini sinceri…

L’incontro con la Val di Fiemme

Mondaino ha incontrato Cavalese e Valfloriana, tipiche cittadine ai piedi delle Dolomiti, siglando un gemellaggio in nome della gastronomia. Un incontro che è avvenuto per caso quando i trentini passeggiando per le vie del borgo hanno incontrato le fosse mondainesi, decidendo così di infossare proprio a Mondaino, il loro prezioso formaggio caprino. Fossa Tartufo & Cerere diventa così l’occasione per l’incontro di due culture, ognuna ricca di un proprio folklore e di propri prelibati sapori, che in questi due giorni si potranno degustare nella tipica piazza a padella mondainese.

Condividi l'offerta!
Mostra
Nascondi
error: Content is protected !!